BANDO PSR Umbria 2014/2020 | Misura 6 – Sottomisura 6.4 – Intervento 6.4.3. “Sostegno creazione/sviluppo imprese extra-agricole settori commerciale-artigianale-servizio innovazione tecnologica”

Si informa che con Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» – Serie Generale – n. 18 del 15 aprile 2019 è stato pubblicato il

Bando PSR per l’Umbria 2014/2020

Misura 6 – Sottomisura 6.4 – Intervento 6.4.3. “Sostegno creazione/sviluppo imprese extra-agricole settori commerciale-artigianale-servizio innovazione tecnologica”

Di seguito una breve sintesi:

Obiettivi della Sottomisura e investimenti finanziabili

Il presente Bando intende realizzare interventi volti ad una crescita inclusiva, sostenibile ed innovativa nelle zone rurali contribuendo all’accessibilità all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) e allo sviluppo occupazionale favorendo in tal modo la creazione di posti di lavoro, soprattutto in ambito giovanile e femminile, al fine di evitare lo spopolamento dei piccoli borghi rurali e la creazione di servizi utili alle comunità locali.

In particolare con il presente bando saranno finanziabili le operazioni nei seguenti settori:

– Attività di turismo rurale e dei servizi connessi;

– Creazione o riqualificazione di esercizi commerciali esistenti, anche attraverso l’adozione di formule innovative (es. e-commerce) favorendo la specializzazione per i prodotti alimentari o artigianali tipici, prodotti biologici e/o di qualità certificata;

– Attività artigianali per il recupero delle attività e dei prodotti della tradizione rurale locale;

– Attività di produzione e servizio nel campo dell’innovazione tecnologica con particolare riferimento alle attività volte a favorire l’accessibilità alle tecnologie di informazione e comunicazione (TIC);

– Attività di servizi collettivi rivolti alla popolazione rurale (trasporti, interventi per la tutela del territorio, ecc.).

 Ambito territoriale di applicazione

Possono beneficiare dei contributi le imprese che realizzano gli interventi previsti dal presente Bando in unità locali ricadenti nel territorio dei Comuni interessati dall’Investimento territoriale Trasimeno “ITI Trasimeno” (Passignano sul Trasimeno, Magione, Castiglione del Lago, Tuoro sul Trasimeno, Città della Pieve, Paciano, Panicale, Piegaro). Tale condizione deve risultare nel certificato di iscrizione dell’imprenditore alla competente sezione del registro delle imprese della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura (CCIAA).

Beneficiari

Microimprese e piccole imprese nonché le persone fisiche titolari di impresa iscritte alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura ancorchè non abbiano dato inizio all’attività (iscrizione “senza inizio attività”) e che

operano nei settori di cui al paragrafo 4 e che realizzano gli interventi in unità operative nei comuni interessati dall’ “ITI Trasimeno”. L’inizio delle attività deve essere dimostrato entro la scadenza della presentazione della domanda di pagamento del saldo così come prevista al paragrafo 13.5.

E’ ammessa una sola domanda di sostegno per soggetto beneficiario.

Non possono in ogni caso beneficiare degli aiuti previsti dal presente Bando:

– le imprese che non rientrano nella definizione di microimprese e piccole imprese di cui al paragrafo 8.2

– le imprese in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà ai sensi dell’art. 2, punto 14 del regolamento (UE) n. 702/2014;

– le imprese agricole che esercitano attività agrituristiche

– le imprese di contoterzismo agricolo.

Il soggetto richiedente deve:

  • essere titolare con lo stesso CUAA di un fascicolo aziendale SIAN, aggiornato con i dati contenuti nella domanda di aiuto e validato presso il Centro di assistenza agricola (CAA);
  • essere iscritto ai registri della C.C.I.A.A. come microimpresa o piccola impresa nonché come titolare di ditta individuale (anche qualora non sia stato dato inizio di attività) con caratteristiche dimensionali di microimpresa o piccola impresa come previsto dalla Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003 come specificato al paragrafo 8.2.;
  • dimostrare che, in caso di più sedi operative, l’unità operativa oggetto di investimento ricade nel territorio ITI Trasimeno come risultante dalla visura camerale aggiornata;
  • essere proprietario o detentore di altro diritto reale o personale di godimento (con esclusione del contratto di comodato) dei beni immobili oggetto della domanda di aiuto

Dotazione finanziaria

Le risorse finanziarie destinate all’attuazione degli interventi previsti dal presente Bando, ammontano ad € 1.800.000,00 come quota riservata per l’Investimento territoriale Trasimeno “ITI Trasimeno” (D.G.R. 93 del 08/02/2016 e D.G.R. 859 del 01/08/2016 e s.m.i.).

 

Spese ammissibili

  • Spese per interventi di ristrutturazione e miglioramento dei fabbricati aziendali ed aree esterne pertinenziali
  • Spese per acquisto di beni mobili quali nuovi macchinari, mezzi, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento dell’attività svolta
  • Spese per acquisto di hardware e/o software e realizzazione siti internet e app volti alla promo commercializzazione delle attività e acquisizione di brevetti, licenze e diritti d’autore
  • Spese generali

Entità e aliquota di sostegno

Il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale determinato sulla base di una valutazione della congruità e ragionevolezza delle spese previste in domanda di aiuto e ritenute ammissibili.

Il contributo in conto capitale è pari 60% della spesa ritenuta ammissibile con elevazione al 70% in zone svantaggiate o per imprenditori giovani e/o donne (per la determinazione delle zone svantaggiate si rinvia allegato 7 al Bando).

Il contributo massimo concedibile è pari ad un importo di €. 100.000,00 soggetto alla regola del “de minimis”.

Il limite minimo di investimento ammissibile all’aiuto è di €. 25.000,00.

La valutazione dei criteri di selezione di cui al paragrafo 9 consenta il raggiungimento di un punteggio minimo non inferiore a 20 punti.

 

Modalità presentazione domanda e scadenza

La compilazione della domanda deve avvenire utilizzando la procedura informatica messa a disposizione da AGEA nell’ambito del portale SIAN. La domanda di aiuto, una volta compilata e rilasciata su sistema SIAN, deve essere sottoscritta dal titolare/legale rappresentante della ditta richiedente, scansionata e trasmessa, a mezzo PEC alla Regione Umbria al seguente indirizzo: direzioneagricoltura.regione@postacert.umbria.it

Il termine per la presentazione delle domande di aiuto è il 30 settembre 2019 alle ore 12.00.

 

In allegato, il testo del Bando: BANDO intervento 6.4.3. Sostegno creazione sviluppo imprese extra agricole

La modulistica è scaricabile al seguente link:

http://www.regione.umbria.it/la-regione/bandi?p_p_id=48_INSTANCE_murcPC6Xfznf&_48_INSTANCE_murcPC6Xfznf_iframe_fromExt=1&_48_INSTANCE_murcPC6Xfznf_iframe_codBando=2019-002-3850

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *