MICROIMPRESE, UN BANDO DEL GAL VALLE UMBRA E SIBILLINI

MICROIMPRESE, UN BANDO DEL GAL VALLE UMBRA E SIBILLINI

Contributi in conto capitale per progetti di investimento

microimprese sibillini

Per le microimprese dell’area del Gal Valle Umbra e Sibillini arriva un bando che finanzia investimenti da un minimo di 20mila a un massimo di 100mila euro.

Per scoprire i Comuni che rientrano nell’area geografica clicca qui

settori di attività interessati sono

  • turismo rurale e servizi connessi
  • creazione o riqualificazione di esercizi commerciali esistenti, anche attraverso l’uso dell’e-commerce, favorendo la specializzazione per i prodotti tipici, biologici e certificati;
  • attività artigianali per il recupero di attività e prodotti della tradizione rurale locale;
  • attività nel campo dell’innovazione tecnologica, in particolare volte a favorire l’accessibilità alle tecnologie di informazione e comunicazione;
  • servizi collettivi rivolti alla popolazione rurale (trasporti, tutela del territorio).

Possono partecipare anche le microimprese non ancora iscritte al Registro della CCIAA, purché inviino la visura entro 60 giorni dalla scadenza del bando.

Favoriti nel punteggio:

  • giovani
  • donne
  • neo imprese

Per essere ammessi al bando occorre:

  • che i progetti siano già cantierabili al momento della domanda
  • che il bene sul quale si chiede il finanziamento sia nella disponibilità della microimpresa (proprietà o affitto)

costi ammessi a contributo riguardano le spese documentate per:

  • la ristrutturazione e il miglioramento di beni immobili strettamente necessari allo svolgimento dell’attività;
  • l’acquisto di nuovi impianti, macchinari, automezzi, attrezzature e forniture per lo svolgimento dell’attività d’impresa;
  • l’acquisto di hardware e software legati all’attività svolta;

Il contributo in conto capitale è pari al 60%.

Per imprenditori giovani e/o donne o per imprese ubicate in zone svantaggiate la percentuale sale al 70%

Le domande potranno essere presentate dal 1° aprile al 31 maggio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *