Home arcs

percorso di navigazione arcsFreccettaComunicazioniFreccettaArchivio NewsFreccettauniverso Legacoop_337c6453-950a-4e13-bd13-84cd03acbacf
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

Credito di imposta per la formazione nei settori di Industria 4.0

03/07/2018 | Marisa Alunni

 Credito di imposta per la formazione nei settori di Industria 4.0

Con Decreto ministeriale del 4 maggio 2018, pubblicato sulla GURI n. 143 del 22/06/2018, sono state approvate le modalità applicative del credito d'imposta per le spese di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0.

L'opportunità è rivolta a tutte le imprese, indipendentemente dalla dimensione e dal settore di attività.

Sono ammissibili al credito d'imposta le attività di formazione finalizzate all’acquisizione o al consolidamento, da parte del personale dipendente dell’impresa, delle competenze nelle tecnologie rilevanti per la realizzazione del processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsto dal “Piano nazionale Impresa 4.0”; costituiscono in particolare attività ammissibili le attività di formazione concernenti le seguenti tecnologie:

  1. big data e analisi dei dati;

  2. cloud e fog computing;

  3. cyber security;

  4. simulazione e sistemi cyber-fisici;

  5. prototipazione rapida;

  6. sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);

  7. robotica avanzata e collaborativa;

  8. interfaccia uomo macchina;

  9. manifattura additiva (o stampa tridimensionale);

  10. internet delle cose e delle macchine;

  11. integrazione digitale dei processi aziendali.

Si considerano ammissibili le spese relative al personale dipendente impegnato come discente nelle attività di formazione ammissibili, limitatamente al costo aziendale riferito rispettivamente alle ore o alle giornate di formazione.

Il credito d’imposta spetta in misura pari al 40% delle spese ammissibili sostenute nel periodo d’imposta agevolabile e nel limite massimo di 300.000 euro per ciascun beneficiario.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, a partire dal periodo d'imposta successivo a quello di sostenimento delle spese.


 
Colonna DX