Home arcs

percorso di navigazione arcsFreccettaComunicazioniFreccettaArchivio NewsFreccettauniverso Legacoop_337c6453-950a-4e13-bd13-84cd03acbacf
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

Parte il progetto Duc in Altum della cooperativa Relegart

26/06/2018 | Marisa Alunni

 Parte il progetto Duc in Altum della cooperativa Relegart

Inserimento lavorativo per 10 diversamente abili grazie al sostegno della Fondazione Cassa Risparmio di Perugia

 

Il progetto selezionato in seguito alla partecipazione al bando tematico settore “ Volontoriato, Filantropia e Beneficenza” prevede un corso di artigianato terapia e arte terapia pensato per 10 persone diversamente abili che “prenderanno il largo” all'interno dei locali della cooperativa sociale Relegart..

Alla presenza di numerose persone, tra cui i partecipanti al corso e le loro famiglie, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto presso la Sala delle Colonne della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia , alla presenza del Segretario Generale Fabrizio Stazi che ha sottolineato l'importante impegno della Fondazione che dedica questi contributi alle cooperative con progetti meritevoli.

Con il progetto DUC IN ALTUM , RE.LEG.ART ONLUS cooperativa sociale di tipo B associata a LEGACOOPUMBRIA  intende integrare le migliori metodologie di due interventi l'Arte Terapia e l'Artigianato Terapia.

La prima per persone con disabilità o a rischio di emarginazione al fine di aiutarli nell'autostima, per costruire un futuro in autonomia. La seconda per le stesse persone al fine di aiutarli ad entrare nel mondo del lavoro.

"La Relegart – ha sottolineato Andrea Bernardoni responsabile cooperazione sociale di Legacoop – in 40 anni di attività ha fatto risparmiare alle casse pubbliche 700 mila euro in termini di minor costi per servizi di welfare. E queste persone inserite hanno costruito un percorso di vita proprio nella cooperativa".

Essere attivo, "fare", "lavorare", hanno un effetto curativo. Se il senso di "essere" nel gruppo risponde ad una esigenza di continuità e di appartenenza. Il lavoro ha la capacità di  restituire alla persona un forte senso di dignità e valore.In tutte le attività del progetto che vedranno il coinvolgimento delle persone con disabilità la metodologia adottata sarà quella del" learning by doing".Questo contribuirà per le stesse persone al raggiungimento di una situazione di fiducia, autostima, abilità ad attingere alle proprie risorse , influenza sociale, migliorando non solo la loro qualità di vita ma quella di tutta la comunità.

Presenti alla conferenza anche Silvia Romaniello Presidente Relegart, l'assessore ai servizi sociali del Comune di Perugia Edi Cicchi  e Andrea Cernicchi in rappresentanza dell'ufficio Welfare della Regione Umbria


 
Colonna DX