Home arcs

percorso di navigazione arcsFreccettaComunicazioniFreccettaArchivio NewsFreccettauniverso Legacoop_337c6453-950a-4e13-bd13-84cd03acbacf
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

MODIFICHE BANDO E PROROGA SCADENZA | AVVISO MISURA 19.2 AZIONE 4 PSR 2014-2020 | PAL 2014-2020 DEL GAL TRASIMENO ORVIETANO

10/04/2018 | Marisa Alunni

 Si informa che IN ESECUZIONE DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL GAL TRASIMENO ORVIETANO N. 63 DEL 05.10.2017 E N. 15 DEL 29.03.2018, sono state apportate alcune modifiche all’Avviso in oggetto.

inoltra di seguito una sintesi dell’Avviso pubblicato dal G.A.L. Trasimeno Orvietano:

 

Piano di Azione Locale Area Omogenea: Trasimeno Orvietano 2014 - 2020

Misura 19

SOTTOMISURA 19.2 - Tipo intervento 19.2.1.

 

AZIONE 4

“INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI DI BASE, SOCIALI E CULTURALI RICREATIVI

FINALIZZATI ALLA RIGENERAZIONE MULTIFUNZIONALE E ALLA RIVITALIZZAZIONE DEI BORGHI STORICI DELLE AREE RURALI”

 

Finalità

La sottomisura è finalizzata a sopperire alla mancanza di servizi basilari per la comunità, come servizi socio-assistenziali, spazi ricreativi, culturali e più in generale di incontro e scambio per la collettività.

In particolare, gli interventi dovranno essere rivolti agli anziani, all’infanzia, alle famiglie, ad utenti diversamente abili, oltreché a cittadini con differenti problematiche sociali.

IMP: Si privilegia la funzione turistica/culturale e la collocazione in circuiti turistici (musei, centri di documentazione, centri di accoglienza turistica, parchi turistici e terapeutici, parchi termali, infopoint etc…). Inoltre saranno privilegiati gli interventi riferiti al “Turismo accessibile”.

 

INTERVENTI

- infrastrutture di tipo socio-assistenziale e di cura, ricreativo/ludico, psicomotorio, artistico, culturale, teatrale, musicale, psicoeducativo, educativo e di sviluppo delle competenze, di inclusione sociale

- infrastrutture finalizzate a sostenere progetti per l’anzianità attiva

- investimenti per interventi di miglioramento, adeguamento, recupero e ristrutturazione di beni immobili al fine della loro riutilizzazione come strutture per la fornitura di servizi, di tipo socio-assistenziale e di cura, centri comunitari per attività sociali educative e più in generale culturali/ricreative;

- investimenti in infrastrutture per l’erogazione dei servizi di mobilità pubblica alternativi, rivolti a persone anziane, infanzia e diversamente abili.

 

CANTIERABILITÀ

È necessario che le proposte d’investimenti presentate ai sensi del presente Avviso posseggano il requisito della “cantierabilità”, cioè siano mature sotto l’aspetto tecnico-economico e amministrativo. Gli adempimenti di cui al Titolo VI, capo VI Normativa Sismica della Legge regionale n.1 del 21 gennaio 2015 "Testo Unico governo del territorio e materie correlate" non costituiscono elemento di cantierabilità.

Qualora le operazioni oggetto di domanda di sostegno non presentino il requisito della “cantierabilità” alla data di trasmissione della domanda, debbono essere giustificate almeno da un progetto definitivo (art. 23 Codice degli Appalti – D.Lgs 50/2016) finalizzato all’ottenimento dei titoli abilitativi previsti dalle vigenti normative (autorizzazioni, concessioni, permessi, svincoli, ecc.).

 

CONGRUITA DELLA SPESA

Per valutare la congruità delle spese che esulano dal prezzario regionale, il beneficiario deve dimostrare di aver effettuato una selezione acquisendo almeno 3 (tre) offerte da soggetti tra loro in concorrenza con obbligo di scegliere l’offerta economicamente inferiore.

 

Ambito territoriale di Applicazione

L’azione oggetto del presente avviso interessa l’intero territorio di competenza del GAL Trasimeno Orvietano. Più specificatamente è rivolta ai Comuni delle due aree:

AREA TRASIMENO: Magione, Passignano sul Trasimeno, Tuoro sul Trasimeno, Castiglione del lago, Città della Pieve, Piegaro, Panicale e Paciano.

AREA ORVIETANO: San Venanzo, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Fabro, Parrano, Ficulle, Allerona, Orvieto, Porano, Castel Viscardo e Castel Giorgio.

 

Beneficiari

- Enti pubblici in forma singola o associata nel rispetto dell’art. 49 del Reg. (UE) n. 1305/2013

- Fondazioni che non svolgano attività economiche, cooperative sociali e associazioni senza fini di lucro

- Partenariati tra soggetti pubblici e privati dotati di personalità giuridica.

Nei partenariati tra soggetti pubblici e privati dotati di personalità giuridica il soggetto capofila beneficiario del finanziamento resta in ogni caso il soggetto pubblico. Il soggetto privato dotato di personalità giuridica deve essere individuato tramite una procedura di evidenza pubblica.

I soggetti beneficiari per essere ammessi a presentare domanda di sostegno, devono essere proprietari o detentori del bene per il quale intendono fare gli investimenti per un periodo non inferiore a quello di vincolo.

Il soggetto proponente non deve avere ottenuto altre agevolazioni pubbliche sulle stesse parti del manufatto per le stesse tipologie di opere oggetto della domanda di sostegno.

 

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili tutti gli interventi previsti dalle normative vigenti esclusa la manutenzione ordinaria, straordinaria e la ristrutturazione urbanistica (così come definite dalle normative vigenti in materia).

Pertanto, i titoli abilitativi (Scia, permesso di costruire etc…) per essere ammissibili non dovranno riportare la dicitura “intervento di manutenzione ordinaria, straordinaria e/o ristrutturazione urbanistica” bensì “restaurazione, adeguamento e ristrutturazione di beni immobili finalizzati all’erogazione dei servizi”.

 

a) Costruzione o miglioramento di beni immobili (terreni e fabbricati);

b) acquisto o leasing di nuovi macchinari e attrezzature fino a copertura del valore di mercato del bene per i servizi individuati;

c) Restauro, adeguamento e ristrutturazione di beni immobili finalizzati all‘erogazione dei servizi;

d) Acquisto di impianti, arredi e attrezzature nuove utili alla funzionalizzazione degli immobili;

e) Investimenti materiali ed immateriali in infrastrutture, in spazi interni ed esterni, dedicate ad attività culturali e ricreative, ludico-sportive, psicomotorie, turistiche, artistiche, culturali, teatrali, musicali psicoeducative per lo sviluppo delle competenze rivolte all‘infanzia e all‘adolescenza, per persone con disagi psicofisici e per persone anziane, laboratori informatici, didattici, multimediali, biblioteche di quartiere, laboratori per la tutela ambientale;

f) Interventi relativi alla riqualificazione e valorizzazione degli spazi esterni e di pertinenza degli immobili destinati ai servizi;

g) Realizzazione di prodotti e materiali informativi;

h) Spese generali collegate alle spese di cui alle lettere a) e b), come onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi studi di fattibilità. Gli studi di fattibilità rimangono spese ammissibili anche quando, in base ai loro risultati, non sono effettuate spese a titolo delle lettere a) e b);

i) I seguenti investimenti immateriali: acquisizione o sviluppo di programmi informatici e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d'autore, marchi commerciali;

j) I costi di elaborazione di piani di gestione e loro equivalenti;

k) spese di cui all’art.69 comma 3 del Reg. UE n. 1303/2013, tra cui l’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) nei casi in cui non sia recuperabile dal beneficiario ai sensi della normativa nazionale sull’IVA.

 

Nell’ambito delle spese ritenute ammissibili dalla normativa comunitaria e nazionale concernente il sostegno allo sviluppo rurale, sono riconosciute eleggibili a contributo, le spese effettivamente sostenute a partire dalla data di presentazione della domanda di sostegno, fatte salve le spese generali di cui all’art. 45 paragrafo 2 del Reg. (UE) n. 1305/2013, effettuate nei 24 mesi prima della presentazione della domanda stessa e connesse alla progettazione dell’intervento proposto nella domanda di sostegno, inclusi gli studi di fattibilità.

 

Dotazione finanziaria ed entità del sostegno

Il contributo in conto capitale è pari al 100% della spesa ritenuta ammissibile (in regime de minimis).

La dotazione finanziaria disponibile nel presente Avviso è pari ad € 250.000,00.

 

Nel caso il progetto venisse ammesso ad altre fonti di finanziamento di origine regionale, nazionale o comunitaria, il beneficiario che intende usufruire del contributo previsto nel presente Avviso dovrà rinunciare formalmente agli altri incentivi, con comunicazione scritta alle amministrazioni interessate.

L’ammissibilità delle domande è comunque subordinata al raggiungimento di un punteggio minimo per la selezione dei progetti migliori di 40 punti.

Come da modifica:

In caso di parità di punteggio verrà data priorità agli investimenti in base ai seguenti criteri nell’ordine in cui sono riportati:

1) Interventi facenti parte del percorso di progettazione partecipata SNAI

2) Interventi che prevedono la spesa ammissibile maggiore.

 

 

Modalità di presentazione della Domanda di Sostegno

La compilazione della domanda deve avvenire utilizzando la procedura informatica messa a disposizione da AGEA nell’ambito del portale SIAN.

L’accesso sul portale SIAN per il rilascio della domanda sarà possibile dal 15 marzo 2018.

La domanda, una volta compilata, deve essere stampata e sottoscritta dal legale rappresentante, e trasmessa al GAL Trasimeno Orvietano, sia in formato cartaceo che su idoneo supporto informatico.

I soggetti abilitati alla compilazione delle domande sono gli Enti delegati dalla Regione, i CAA (Centri di Assistenza Agricola), i professionisti precedentemente autorizzati dalla Regione alla compilazione delle domande, gli sportelli Agea, Nazionale e Regionali.

La compilazione della domanda di sostegno può essere effettuata anche da soggetto diverso da quello che compila e detiene il fascicolo aziendale purché dotato di delega del beneficiario.

La domanda di sostegno e la relativa documentazione, una volta inoltrata telematicamente tramite portale SIAN, deve essere stampata e sottoscritta dal legale rappresentante e pervenire perentoriamente, pena l’esclusione, entro le ore 17.00 del 02.05.2018 entro le ore 17.00 del 02.05.2018 11/06/2018 attraverso una delle seguenti modalità:

a) a mezzo PEC all’indirizzo: galto@legalmail.it

b) consegnata a mano

c) a mezzo raccomandata a/r al GAL Trasimeno Orvietano, Piazza Gramsci, 1 – 06062 Città della Pieve (PG).

 

Si allega:

·        Avviso MISURA 19.2 AZIONE 4 PSR 2014-2020 | PAL 2014-2020 DEL GAL TRASIMENO ORVIETANO come modificato in data 29/03/2018

·         Scheda tecnica di misura (Allegato 1 da presentare unitamente alla domanda)


 
Colonna DX