Home arcs

percorso di navigazione arcsFreccettaComunicazioniFreccettaArchivio NewsFreccettauniverso Legacoop_337c6453-950a-4e13-bd13-84cd03acbacf
Condividi in Facebook i contenuti di questa pagina Invai la pagina ad un amico Pagina Stampabile

BUR UMBRIA: Agevolazioni per la creazione e il consolidamento di start-up innovative: bando FESR

29/11/2017 | Marisa Alunni

 Agevolazioni per la creazione e il consolidamento di start-up innovative: bando FESR

Con Determinazione dirigenziale n. 11805 del 13 novembre (s.o. n. 6 al B.U.R. n. 50 del 22/11/2017) è stato approvato un bando per la concessione di contributi a sostegno della creazione e del consolidamento di start-up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza e alle iniziative di spin-off della ricerca. Il bando fa riferimento alla linea di azione 1.3.1 del POR FESR 2014-2020.

L'opportunità è rivolta alle piccole e medie imprese nella forma di società di capitali e alle società di capitali fra professionisti, configurate in una delle seguenti tipologie:

  • start-up ad alto contenuto tecnologico;
  • spin-off aziendali;
  • spin-off accademici ad elevate competenze scientifiche;
  • incubatori certificati.

Le imprese non devono essere costituite da più di 48 mesi.

Sono ammissibili i progetti di creazione e consolidamento imprenditoriale caratterizzati dall'innovatività e coerenti con uno dei seguenti ambiti prioritari, individuati nella Strategia regionale RIS3: Scienze della vita, Agrifood, Chimica verde, Fabbrica Intelligente /Aerospazio, Energia. I progetti devono prevedere spese ammissibili per un importo non inferiore a 30.000 euro e non superiore a 500.000 euro.

Nell'ambito dei progetti sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • spese di locazione dei laboratori e della sede operativa dell’impresa;
  • macchinari, attrezzature, impianti hardware e software;
  • acquisizione e locazione finanziaria di attrezzature scientifiche e di laboratorio;
  • acquisto di brevetti già registrati;
  • spese finalizzate alla partecipazione a fiere, eventi, prima campagna pubblicitaria e realizzazione del logo aziendale;
  • consulenze esterne specialistiche;
  • consulenze e/o accordi di collaborazione rese da istituti universitari e centri di ricerca pubblici;
  • spese connesse allo sviluppo sperimentale di un brevetto/prototipo/servizio, sostenute tramite una struttura esterna;
  • costo del personale dipendente e spese per materiali sostenute direttamente dall’azienda beneficiaria per lo sviluppo sperimentale di un brevetto/prototipo/servizio.

Il contributo, a fondo perduto e in regime "de minimis", è pari al 40% della spesa ammissibile.

L’invio delle domande potrà essere effettuato a partire dal 4 dicembre 2017 e fino al 29 giugno 2018.

 


 
Colonna DX